Italiano/ Intervista al rappresentante della Red Moon Crew

opcapoterra

Il rappresentante del gruppo di hackers

Red Moon Crew,

conosciuto perché accusato e poi scagionato da Anonymous Italia per aver ‘rubato’ le mails del   Movimento 5 Stelle (come potete leggere su fanpage) prende la parola. Nella seguente intervista ci parlerà di sè e dei reali propositi del gruppo.

601860_183272175158906_2012723467_n

Manuela Garreffa: Parlaci un pò di te. Useremo il tuo pseudonimo, se sei daccordo.

AnonKevol: Bene, sono un’amante dell’informatica e hacking in generale , posso dire il mio nickname che è AnonKevol, sono il rappresentante della red moon crew che ultimamente è famosa nel web per tutte le accuse che ci sono state fatte per aver rubato le email 5 stelle , ma noi stiamo lavorando sulla #Op Capoterra. Potete ricavare varie info qui: http://redmooncrew.blogspot.it/, non siamo criminali ma rivoluzionari.

M.G.: Cosa pensi di Anonymous?

AnonKevol: Beh, di Anonymous penso che sia un’organizzazione inutile in un certo senso, è inutile che ogni nazione abbia da rappresentare “Anonymous”, perché Anonymous sono tutti, non solo alcune persone.

M.G: Quale sarà il futuro della Red Moon Crew, secondo te?

AnonKevol: Penso in positivo per il futuro della red moon, tanto che sta avendo recentemente forti propositi per il futuro, credo che dureremo nel corsi degli ANNI, e che diventeremo una bella squadra. Ci espansioneremo non solo tramite un PC ma anche nelle piazze a farci conoscere da tutto il popolo.

M.G.: Quali sono i vostri principi?

AnonKevol: Beh, sosteniamo gli IDEALI di Anonymous, ma combattiamo specialmente contro la pedopornografia e ci abbattiamo contro le attività illecite locali ed è testimone la #Op Capoterra.

M.G.: Si sta creando un mondo parallelo, virtuale ma simile a quello reale con le relative divisioni e diatribe, dunque?

AnonKevol: Gli Anonymous Italia non li paragono a quelli degli altri paesi.

M.G.: I membri di Red Moon non si conoscono tra loro?

AnonKevol: Ci conosciamo benissimo…

M.G.: Quindi funziona diversamente dai gruppi di cui si è parlato nelle interviste precedenti…  e come mai si parla sempre di ragazzini hackers, non ci sono ragazze tra voi hackers?

AnonKevol: C’ é un rappresentante, io in questo caso, ma é una crew democratica. Beh, le ragazze si interessano ad altro… ci sono ragazze amanti della grafica e ci sono delle youtubers.

M.G.: Gli altri hackers che ho intervistato avevano una cattiva idea dello Stato, anche voi? Ad esempio nel caso della pedopedofilia, non credi che si stia già combattendo?

AnonKevol: Beh, lo Stato è un organo che ha cose positive e negative ma molto negative, chi si occupa di pedofilia sono certamente le forze dell’ordine molte volte…

M.G.: Ti faccio un esempio: leggevo durante le elezioni in Venezuela che Anonymous (un membro intervistato) dichiarava: ‘Chiunque vinca, agiremo contro di lui se si comporta male quando governa’. Non si schierano, restano una funzione parallela che interviene per difendere la libertà di espressione, è così anche per voi?

AnonKevol: Non so come rispondere, ci sono svariate risposte.

M.G.: Esiste un Anonymous International? Qualcuno a cui far riferimento?

AnonKevol: No, che io sappia.

M.G.: Dimmi quello che ci tieni a dire

AnonKevol: Che siamo una crew di amici virtuali e non ci reputiamo bravi ma facciamo del nostro meglio.

M.G.: Tu credi che gli adolescenti avrebbero diritto ad avere più importanza nella società? Come in alcuni paesi dove a 16 anni si prende la patente e si vota? Credi che ci sia un malcontento tra gli adolescenti, che si sentano un pò tenuti fuori da tutto?

AnonKevol: Beh, ormai si è adolescenti anche a 18 anni , l’adolescenza per me è anche mentalmente non solo fiscamente, secondo me servono più diritti ai disabili in questo Paese e anche più  importanza per i giovani nei servizi locali, si devono creare ludoteche e centri d’ascolto.

M.G.: In che modo le attività di Red Moon Crew possono aiutare in questo senso?

AnonKevol: Beh, con attacchi DDoS su siti istituzionali e del commercio, il commercio è il motore del Paese quindi è ciò che bisogna attaccare… beh è un paradosso!

M.G.: Avete la speranza che gli organismi che attaccate interpretino le vostre azioni come una richiesta di creare più ludoteche e servizi per i disabili? 

AnonKevol: Non ci ascolteranno.

M.G.: Un’ultima cosa: parlami di un’azione compiuta dal gruppo Red Moon di cui sei contento e dimmi che tipo di risultato ha avuto.

AnonKevol: Essere un gruppo compatto, deciso e sempre attento ad ogni mossa, questo sì che si chiama gruppo. Per le azioni di hacking quelle subentrano quasi ogni giorno.

M.G.: Grazie.

AnonKevol: Grazie a lei.

Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s