La strega dei boschi

Lunanuvola's Blog

simona e zabka

Simona Kossak (1943 – 2007), polacca, era una scienziata, un’ecologista che ha lottato per la protezione delle più antiche foreste d’Europa, una documentarista pluripremiata e una conduttrice radiofonica, nonché una zoopsicologa. Per più di trent’anni ha vissuto in una capanna nella foresta di Białowieża, senza elettricità o accesso all’acqua corrente. La chiamavano strega, perché parlava con gli animali, aveva allestito un rifugio per loro e uno studio veterinario per curarli: una lince dormiva nel suo letto e una femmina di cinghiale, Żabka, visse con lei per 17 anni; allevò una cucciolata di cervi che la ritenevano la loro madre e strinse amicizia con il famoso corvo-terrorista che faceva dispetti a tutto il mondo, fuorché a lei.

I brani seguenti sono tratti dal libro di Anna Kamińska “Simona. Opowieść o niezwyczajnym życiu Simony Kossak”, uscito nel luglio 2015. Le immagini sono di Lech Wilczek.

La gente chiamava il corvo un…

Ver la entrada original 600 palabras más

Graffiti: the first magical neighborhood

In the center of a small neighborhood located in the city of Pachuca, Hidalgo, the largest graffiti mural in all of Mexico.

mural-palmitas-800x460

The collective effort has created jobs, reduced youth violence and instilled a sense of community spirit, turning Las Palmitas into what the project leaders have dubbed the “first magical neighborhood”.

Leading the project was the independent Mexican collective the Germen Crew (Seed Crew), composed of urban artists specializing in graffiti art, mural painting and audiovisual documentary. A group which, through public and street art, aims to give new meaning to public spaces and restore social fabric for the benefit of communities.

Their Facebook page …

Continue reading on Global Voices…

Artistas contra la guerra religiosa

Un artículo que escribí hace 9 meses y pico,

y sigue siendo actual.

¿Hay musulmanes pacíficos? La escritora JK Rowling, autora de la saga de Harry Potter, y la fotógrafa Tamara Abdul Hadi anteponen la razón al prejuicio y a la guerra religiosa.

Seguir leyendo…